rintracciabilità

Le imprese agroalimentari sono impegnate a produrre alimenti sicuri; per farlo sottopongono i loro processi produttivi a impegnativi sistemi di autocontrollo igienico-sanitario che facilitano il rispetto delle norme obbligatorie emanate per assicurare ai cittadini un elevato livello di sicurezza alimentare.

In questo ambito l’Unione Europea ha individuato nel fattore rintracciabilità uno strumento indispensabile per perseguire l’obiettivo succitato e ne ha dettagliatamente normato la funzione nei prodotti agro-alimentari tramite il Regolamento (CE) N. 178 del 2002. Allo scopo, tale regolamento ha introdotto l’obbligo per ciascun operatore del settore alimentare di tracciare la provenienza di qualsiasi sostanza destinata a far parte di un alimento o di un mangime, e di disporre sistemi di registrazione per documentare la destinazione dei propri prodotti.
Queste informazioni sono sempre a disposizione delle autorità competenti, al fine di permettere una facile individuazione del percorso compiuto dai prodotti alimentari, elemento importante per evidenziare eventuali rischi e per organizzare un rapido ed efficace ritiro dal mercato di prodotti difettosi, qualora emergessero inconvenienti verificatisi nel corso del processo produttivo, tali da mettere a repentaglio la salute pubblica.

La rintracciabilità, tuttavia, non è solo uno strumento di carattere sanitario, ma rappresenta anche un’opportunità commerciale per quei produttori che vogliono intercettare la sempre crescente esigenza del consumatore riguardo alle informazioni sui prodotti oggetto del loro acquisto. In questo caso la documentazione dei percorsi produttivi, dal campo alla tavola, può consentire di comunicare al consumatore, oltre all’origine, altre caratteristiche sul prodotto ritenute interessanti per la sua valorizzazione.
La norma ISO 22005:2007 definisce i principi base dei regimi di rintracciabilità volontaria nel settore agroalimentare. L’efficienza di questi sistemi viene attestata dal controllo di un ente di certificazione terzo.
Il sistema documentato di rintracciabilità è la via prescelta per responsabilizzare tutte le imprese della filiera produttiva in merito al rispetto di norme a salvaguardia dei requisiti igienico-sanitari e di qualità dei prodotti e ci consente di conoscere meglio gli alimenti di cui ci cibiamo.